EX-CHIESA DI S.STEFANO AI FERRI – CASE TORRI: NUCLEO NASCOSTO DI MEDIOEVO

S.STEFANOA PRIMA VISTA

I vicoli stretti ed intimi della Tivoli storica quasi fanno ‘serpeggiare’ lo sguardo e fanno crescere la curiosità, costellando la passeggiata di piacevoli sorprese.

Una di queste è in Vicolo dei Ferri: una slargo inatteso ci presenta una facciata in laterizio ambigua e travagliata nella sua struttura. Il primo impatto può far pensare ad un edificio civile, costretto in uno  spazio urbanistico singolare.

Infilando gli occhi nel piccolo cortiletto chiuso a destra si scorge però, letteralmente incastrato da altri corpi edificati, un profilo di campanile romanico chiuso nelle sue finestrelle ad arco, ormai cieche: la Chiesa di S. Stefano, da tempo sconsacrata, si rivela nel suo aspetto più tipico, la trasformazione/mimetismo..

UN PO’ DI STORIA

Stefano è il primo martire di Cristo e nel V sec. d.C. Papa Simplicio, papa tiburtino, fece erigere probabilmente questa chiesa, tra le tante che donò al suo popolo, per diffonderne il culto già vivo tra i fedeli.

Spesso il costruito medioevale nasconde quello romano ed infatti in quest’area sono state osservate strutture murarie in opus quadratum, probabilmente usate per regolarizzare il pendio con terrapieni/terrazze, in un area già racchiusa all’interno delle antiche mura dell’80 a.C..

L’impianto originario medioevale (a cavallo del 1000-1100) era semplice: una sola navata, un portico anteriore (di cui si notano 2 colonne ancora), un campanile; inoltre sul lato destro vi era un orto ed un cimitero cui si accedeva da un altro portichetto.

A dimostrare un uso speciale di quest’area, dietro l’abside vi era una mensa lapidea dove si amministrava la giustizia: forse una specie di legittimazione dell’autorità civile vicino un centro religioso molto importante all’epoca.

Il  XIV secolo vide importanti modifiche: la costruzione della Cappella di S.Stefano, che oggi non comunica più con la navata e che fu trasformata in sagrestia nel XVI secolo, e la Cappella dell’Annunziata (oggi scomparsa).

Una vicenda urbanistica e religiosa

I secoli successivi al medioevo videro una specie di accerchiamento: dall’isolamento in cui la chiesa si trovava nel medioevo (XII secolo), si è passati ad un quasi totale occultamento dell’aspetto iniziale da parte di edifici tutto intorno e dentro lo stesso corpo.

Processo iniziato con problemi manutentivi, connessi anche all’ umidità, presenza quasi costante connessa alla natura idro-geologica del substrato nell’area del centro storico.

Il vero declino continuò con la perdita del titolo di parrocchia nel 1637 e con l’insediamento dei  frati ospitalieri di S. Antonio di Vienna che imposero per un periodo il nome del loro santo alla chiesa, decorando la chiesa ed erigendo un nuovo altare e cantoria, ma che poi mandarono in rovina il complesso.

La chiusura al culto (interdizione nel 1782 da parte di Mons. Natali) determinò la perdita di quell’importanza simbolica e sacrale, con il successivo ‘assedio’ di funzioni e di destinazioni più varie: oltre alle abitazioni civili dentro a attorno la stessa ex chiesa, un teatro nel 1840,  un granaio,  un laboratorio artigiano, una stalla, un fabbro ferraio. Gli eventi bellici della 2° guerra mondiale hanno poi distrutto la copertura in tetto ligneo.

Una azione di ‘riciclo’ e riempimento urbanistico decisamente invasiva ai nostro occhi, ma che si è consolidata storicamente dando un lascito di memoria medioevale, che si legge intensa nel gioco quasi inestricabile della facciata e nello spazio ‘denso’ all’intorno.MORELLI

Questa particolare vicenda può esser stimata osservando lo sviluppo in pianta dal XII secolo al XIX, e confrontando il disegno ricostruttivo dell’aspetto medioevale del disegnatore A. Morelli con cio’ che si vede: si rimane esterrefatti..

fasi s.s.

Le case torri

Lungo vicolo dei Ferri dopo la Chiesa di S.Stefano,  sulla sinistra scendendo, sono poste due case-torri, struttura tipica di un’epoca medioevale che potremmo definire polifunzionale.

Infatti erano presidi militari atti a offendere e difendere, ma anche residenze dei cosiddetti miles,titolo onorifico di cittadini-soldati.

Con queste strutture Tivoli acquisisce quel ‘volto verticale’ tipico del medioevo, fatto di una rete fitta di campanili-torri di guardia e case-torri, comune a tante altre città: basti pensare alla immagine di Roma nelle stesse epoche.

Una presenza che tuttora  si può scoprire, curiosando tra le maglie del tessuto edilizio storico di Tivoli.

 

Gli affreschi della Cappella di S. Stefano: brani di arte da riscoprire

La scoperta di questi suggestivi affreschi, fatta da Vincenzo Pacifici nel 1909-10, ha svelato un brano importante di arte a Tivoli.

L’ambiente era allora adibito per l’officina di un fabbro ferraio, quindi sono stati necessari lavori di pulitura e restauro che hanno svelato scene del Nuovo Testamento (la Crocifissione, la Natività e la Dormitio Virginis), raffigurazioni dei 4 Evangelisti sulla volta e le storie della vita di S.Stefano.

Gli affreschi, eseguiti da pittori diversi, sono riferiti alla scuola romana del XIV secolo, con la consueta divisione in moduli narrativi per il ciclo di S. Stefano e con influenze e richiami della scuola di Giotto.

La cappellina di S.Stefano ha un accesso esterno anche se non è attualmente visitabile; è visibile il suo corpo sul lato destro della chiesa. E’ tuttora troppo poco conosciuta, meritevole di mirati e accurati interventi di valorizzazione e divulgazione.

affresco abside s.stefano       navata sx s.stefano

part1 s stefano     part 2 s.stefano

CURIOSITA’ E FASCINAZIONI

Crociati e cavalieri

Immaginate di demolire con la fantasia le costruzioni sorte attorno alla Chiesa e di tornare indietro nel tempo.

Potreste sicuramente incontrare fedeli e religiosi devoti al culto di S.Stefano, cittadini che si rivolgono al giudice presente dietro l’area absidale, ma anche imbattervi in una scena altamente simbolica: la benedizione dei Crociati nella Cappella dell’Annunziata prima di partire in Terra Santa.

E’ doveroso dire che è solo un’ipotesi avanzata da Giuseppe U. Petrocchi nel 1993, considerando le dimensioni del grande arco della Cappella dell’Annunziata e la presenza nella parete sinistra della navata di splendidi affreschi raffiguranti cavalieri, in marcia nel senso abside-uscita, con una precisa figurazione sugli scudi.

Tale scenario ci riconduce comunque a quel piacere della memoria e della suggestione che avvolge gli angoli della Tivoli medioevale.

 La leggenda di Santo Stefano

Secondo la leggenda, riportata puntualmente negli episodi della Cappella, il santo, figlio di due coniugi molto ricchi della Giudea che non riuscivano ad aver figli, ebbe contatto con il male appena nato: il diavolo lo rapì, fu allattato da una cerva bianca e affidato al vescovo Giuliano, di lì la sua forte attività di evangelizzazione, connotata anche da prodigi e conversioni, fino alla lapidazione.

Curiosa ed anche un po’ inquietante l’episodio degli affreschi che ritrae proprio il diavolo che riesce a rapire Stefano ingannando la sua nutrice, che inconsapevolmente continua a cullare.. un demonio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...