SANTA MARIA MAGGIORE (O SAN FRANCESCO): LO SPIRITO BENEDETTINO E FRANCESCANO DELLA TIVOLI MEDIEVALE

scultura piazzaA PRIMA VISTA

Dall’ incrocio della chiesa di Santa Maria Maggiore con il Palazzo estense, si costruisce l’unico angolo della storica piazza Trento, la quale si allarga irregolare scendendo da piazza Garibaldi.

La chiesa, che in questo modo direziona e accompagna lo sguardo verso l’entrata di villa d’Este, colpisce per la monumentalità e per la bellezza della facciata che ancora conserva, a dispetto dell’interno, la sua facies medievale, abbellita da evidenti elementi gotici e neogotici.

È una chiesa che racconta la sua storia attraverso i cambiamenti architettonici ancora visibili dal prospetto, ma anche la storia di una piazza le cui vicende sono così strettamente legate al suo culto, e infine la storia di una comunità, quella tiburtina, che ogni anno, il 14 e il 15 agosto, si riunisce di fronte ad essa, per celebrare la tradizionale festa dell’Inchinata.

UN PO’ DI STORIA …

Secondo la tradizione, pare che anche questa chiesa (al pari di San Silvestro e Santo Stefano) sia stata edificata da papa Simplicio nel V secolo, sui ruderi di una antica villa romana.

In realtà sembra più probabile l’ipotesi che vuole la fondazione della chiesa al IX secolo, in occasione dell’avvento a Tivoli di una comunità di monaci benedettini provenienti da Farfa, che per alcuni secoli usufruirono della basilica e dell’annesso monastero.

FRONTE

Originariamente l’ingresso di quest’ultima non si affacciava, come lo troviamo oggi, sulla piazza, ma si apriva sul lato opposto verso la campagna. Fu in seguito all’inserimento dell’edificio nelle mura cittadine, nel XII secolo, che se ne invertì il verso, realizzando la facciata su un muro laterale del precedente monastero, come dimostrano i resti delle intelaiature in marmo bianco delle antiche finestre, ancora visibili.

L’importanza di questo luogo, garante della cultura e delle civiltà antiche, risiedeva in particolare nella presenza di una ricca biblioteca che conservava e produceva manoscritti, grazie al lavoro dei monaci copisti.

Nei secoli a venire la chiesa passò a diversi ordini, tra cui nel 1256 a CAMPANILEquello dei Francescani, dai quali derivò il secondo nome dell’edificio, che tuttavia non ebbe molta fortuna tra i tiburtini ormai tradizionalmente legati all’ origine mariana del culto.

In occasione poi della costruzione di villa d’Este, secondo la volontà del cardinal Ippolito, il vecchio chiostro benedettino fu annesso al complesso del palazzo estense.

In ultimo, alla fine del ‘500 risale la costruzione del campanile, per opera dell’architetto Galvani.

 

Il francescanesimo a Tivoli

Secondo gli studi di alcuni storici locali del secolo scorso, pare che San Francesco abbia fatto, tra il 1218 e il 1222, una piccola sosta a Tivoli, nel corso di un viaggio verso Subiaco.

Fu in questa occasione che i tiburtini ebbero l’opportunità di ascoltare le prediche del Santo che, da quel momento in poi, suggellarono l’appartenenza al suo grande esempio di fede e di carità a cui la città di Tivoli, nei secoli, ha voluto ispirarsi.

Tuttavia, nonostante ciò, il passaggio tra i due Ordini, Benedettini e Francescani, avvenuto nel 1256 sotto Papa Alessandro IV, non fu subito accettato favorevolmente dalla comunità locale, soprattutto in seguito alla chiusura della scuola, particolarmente benvoluta, gestita appunto dai monaci di San Benedetto.

I primi malcontenti, però, fecero ben presto spazio a un più sperato clima di fiducia e affetto nei confronti dei Frati minori Conventuali, fino a quel momento vissuti fuori la porta del Colle.

Nel 1461 Papa Piccolomini siglò un documento pontificio con il quale vennero ceduti ai Frati Minori Osservanti sia il convento che la chiesa di Santa Maria Maggiore.

L’Inchinata

La cerimonia che ogni anno, ad agosto, in occasione della festa dell’Assunta, vede la partecipazione di moltissime persone che giungono presso Santa Maria Maggiore, ha origini molto antiche, oltre che un importante valore simbolico per questa città.

Che la processione fu indetta la prima volta dai francescani nel XIII secolo, o risalisse ai tempi di papa Simplicio nell’ alto medioevo non è certo, tuttavia sembrerebbe che la cerimonia con tanto di teoforia (letteralmente: “trasporto dell’immagine di Dio”) ripeta le processioni fatte nel mese di agosto in onore di Cesare Augusto, con la sostituzione dell’immagine di Cristo a quella imperiale.

L’occasione di questa commemorazione è la dormitio virginis (dormizione della Vergine) e la sua successiva assunzione in cielo, in seguito all’incontro di Maria con il figlio Gesù.

Secondo le Sacre Scritture, Cristo scese dal cielo avvolto da un fascio di luce, per confortare la madre negli ultimi momenti che la tenevano in vita. Così, stringendola in braccio come fosse una figlia, la condusse con sé in Paradiso.

La processione che ha inizio il 14 agosto con il trasporto dell’immagine di Cristo, partendo dal Duomo dove è conservata durante l’anno e continuando per le vie di Tivoli, rievoca il lungo cammino fatto per giungere al cospetto di Maria.

Durante questa sfilata, una prima sosta viene fatta sul Ponte Gregoriano, per la benedizione delle acque dell’Aniene, mentre una seconda nei pressi dell’Ospedale, dove il cappellano lava simbolicamente i piedi di Cristo.

Il rito dell’Inchinata, invece, si riferisce al momento del saluto della Madre con il Figlio, attraverso i tre inchini delle due macchine processionali, che un tempo avvenivano sotto gli antichi archi trionfali che scandivano la facciata della chiesa.

Il giorno dopo, gli abitanti di Tivoli, per celebrare l’assunzione della Vergine in cielo, ripetono nuovamente la stessa funzione.

 

RACCONTO DELL’OPERA

Partendo dall’esterno, la chiesa di Santa Maria Maggiore presenta una muratura irregolare in laterizi, tufelli rettangolari e inserti di pietra calcarea.

Il prospetto è arricchito dal tipico portale gotico strombato ad arco ogivale e in marmo bianco, sovrastato da un tabernacolo (opera dello scultore Angelo da Tivoli), da quattro strette monofore disposte in prossimità delle due navate laterali, e da due oculi.

Nella parte superiore, invece, s’innalza il fronte della navata centrale, decorato da un grande rosone e abbellito dalla presenza del campanile di fine Cinquecento che spunta a sinistra.

Come già evidenziato, la facciata della chiesa mostra ancora chiaramente le tracce dei vari cambiamenti a cui nei secoli è andata incontro, in particolare si notano ancora le arcate delle antiche aperture in prossimità delle due navate laterali, che vennero chiuse nel XV secolo.

Ma le trasformazioni maggiori si ebbero nel secolo successivo, quando, con la costruzione di Villa d’Este, fu distrutto l’antico convento e ridotto lo spazio della navata destra, un tempo scandita dalla presenze delle cappelle.

Una volta superato l’ingresso della chiesa, subito ci si accorge che ben poco conserva dell’atmosfera medievale assaporata all’esterno.

Infatti, fatta eccezione per il portale gotico di forma ogivale, che dall’ antico nartece immette nella navata centrale, per il dipinto contenuto all’interno del tabernacolo di scuola toscana (quest’ultimo di epoca rinascimentale) sulla destra, per i pavimenti cosmateschi del XIII secolo (voluti dalla nobildonna tiburtina Maria Bonini) e per qualche altra suppellettile, il resto delle decorazioni e degli interni restituisce un aspetto dato dalla compresenza di epoche successive.

Oltrepassato l’atrio, dove sono disposte diverse lapidi recanti iscrizioni funerarie, si accede alla navata centrale cadenzata, oltre che dalle cromie del pavimento cosmatesco, dalla presenza di clipei nella parte alta delle pareti, con all’ interno le raffigurazioni dei Santi francescani, che conducono il fedele sino alla zona presbiteriale dove, nella volta, è rappresentata la colomba dello Spirito Santo con intorno i Santi Francesco, Bernardino da Siena, Antonio da Padova e Simplicio.

La serie fu realizzata negli anni intorno all’ultimo ventennio dell’Ottocento da Michelangelo Cianti, pittore appartenente all’Ordine francescano e di chiara ispirazione rinascimentale per l’impostazione ieratica delle figure e le linee marcate del panneggio.

Sul fondo della navata, si staglia l’altare maggiore, realizzato con molta probabilità alla fine del Cinquecento dallo stesso architetto estense, Galvani, che realizzò il campanile.

Purtroppo però nel 1698 l’altare fu colpito da un fulmine, necessitando di un intervento di restauro.

Lo stile preannuncia evidentemente alcuni dettami barocchi, segnalati dalla presenza dello sfondo color oro e delle colonne di finti marmi che sostengono un timpano culminante in una raggiera.

Al di sotto, la mensa d’altare reca al centro lo stemma dell’ordine francescano, rappresentato da due braccia che si incrociano dinanzi alla croce.

L’intera struttura incorona e accoglie al centro, protetta da una lastra vitrea, l’immagine della “Vergine Avvocata” o dell’Intercessione (così chiamata perché allude all’incarico conferitole dall’arcangelo Gabriele di intercedere presso di noi per conto di Dio), a lungo creduta opera del pittore romano Jacopo Torriti, il quale avrebbe dipinto su tavola, alla fine del XIII secolo, l’immagine della Vergine, rifacendosi chiaramente allo stile delle icone bizantine per la marcata staticità della figura, e per il fondo oro.

Tuttavia, con il restauro del dipinto condotto nel 1969 è emerso evidentemente che, quella che sembrava essere l’opera del pittore romano, nonché la copia della Madonna Avvocata conservata nella basilica romana di Santa Maria in Aracoeli, fosse in realtà una copia “recente”, risalente al XVIII – XIX secolo, rifatta “all’antica” per sostituire l’originale, danneggiatosi a causa dell’incidente con il fulmine.

Il culto di questa immagine divenne, sin dal 1592 (quando fu posta presso l’altare), particolarmente sentito a Tivoli, tanto che ogni anno, in occasione dell’Inchinata, viene portata in processione insieme al Trittico del Salvatore, conservato invece presso il Duomo.

Passando alla navata sinistra, questa è arricchita dalla presenza delle cappelle decorate da affreschi realizzati in epoche diverse.

Merita sicuramente un’attenzione in più quella dedicata a S. Francesco (la terza cappella venendo dall’ingresso) ricoperta dagli affreschi che ritraggono scene di vita del fondatore dell’ordine francescano, da S. Francecsco che riceve le sante stimmate alla Morte di S. Francesco, inserite all’interno di riquadri ed elementi decorativi in stucco bianco e dorato.

Sulla datazione, i vari studiosi sembrano concordi nel collocare le scene dipinte al XVI secolo, mentre più incerta è l’attribuzione, per alcuni riconducibile alla scuola degli Zuccari (per cui immediato risulta il riferimento a Villa d’Este e alla sue sale affrescate proprio da Federico Zuccari), ma per altri più probabile che si tratti di artisti locali formatisi a Roma.

Anche la navata destra un tempo era articolata da diverse cappelle, volute dalle varie Università dei mestieri che le avevano dotate di altari, di cui oggi non rimane più nulla. L’ampiezza originaria della navata, infatti, è stata mutata per consentire la costruzione del Palazzo estense.

In questa navata, in prossimità di quella che doveva essere la terza cappella, è possibile ammirare il crocefisso quattrocentesco, recentemente restaurato, e attribuito allo scultore toscano Baccio da Montelupo, autore di diverse sculture disseminate in varie chiese dell’Italia centrale.

Il Cristo seraficamente contenuto nell’esprimere il dolore, sembra celare la drammaticità dell’evento a favore di una più beata accettazione del suo sacrificio, addolcito oltretutto dalla presenza degli angeli dipinti nell’affresco che decora lo sfondo, e datato al XVI secolo.

Di particolare pregio, in ultimo, sono le opere ospitate nel presbiterio e disposte sulle sue pareti.

In quella di sinistra troviamo il Trittico di Bartolomeo Bulgarini, artista senese del XIV secolo, nonché allievo di Piero Lorenzetti.

Ancora avvolta da misteriosi dubbi circa la sua originaria destinazione e composizione, la tavola, costituita da due ante e da un corpo centrale, inizialmente era smembrata e custodita in luoghi diversi. In ottimo stato conservativo, grazie anche al restauro avvenuto negli anni ’20 del secolo scorso, l’opera presenta al centro la figura della Vergine assisa in trono con il Bambino sorreggente un cartiglio che arreca la scritta a caratteri gotici “Ergo sum via veritas et vita” , mentre ai lati sono ritratti rispettivamente S. Francesco e il vescovo di Tolosa, il tutto su fondo dorato. Sul dorso del bellissimo trittico è presente invece un’Annunciazione.

Sulla parete di destra, invece, è possibile ammirare il Polittico della Vergine datato tra il XV e il XVI secolo e probabile opera di un allievo di Luca Signorelli. Anche in questo caso la scena è tripartita, con al centro una Vergine assisa in trono con il braccio il Bambino e il piccolo S. Giovanni Battista, e ai lati S. Lorenzo e S. Giuseppe accompagnati rispettivamente dai francescani S. Francesco e S. Bernardino da Siena. Al centro della predella, originariamente decorata da sette scene, sono raffigurati i santi martiri tiburtini Getulio e Sinforosa con i loro sette figli, a conferma del fatto che il Polittico sia stato da sempre destinato a questa chiesa.

CURIOSITA’ E FASCINAZIONI

La coperta argentea

In occasione del giorno dell’Inchinata, anche l’immagine della Vergine si veste a festa, indossando l’abito argenteo che risplende, nel corso della processione, sotto i raggi del sole agostano.

Durante l’anno, la coperta argentea è custodita all’interno della chiesa di Santa Maria Maggiore, da quando venne realizzata nel XVII secolo su commissione dell’Università dei muratori e dei cementari (come riportato da un’iscrizione sul fondo della coperta), gli stessi che dovevano scortare l’immagine della Vergine durante la processione. Possibile opera dell’argentiere Marco Gamberucci, la coperta ha necessitato di diversi restauri (l’ultimo nel 1991) a causa di un notevole deterioramento della sua integrità strutturale, dovuto in buona parte proprio per via delle oscillazioni durante il trasporto processionale.

Il rilievo raffigura S. Gregorio Magno tra due angeli su uno sfondo di stelle e nuvole, mentre altri due angeli in volo sorreggono la corona che cinge il capo della Vergine che si affaccia in corrispondenza dell’apposita apertura.

Ad oggi la decorazione della coperta argentea si mostra ulteriormente impreziosita dalla corona dorata, eseguita nel secolo scorso come copia di quella donata nel 1851 dal capitolo della basilica Vaticana (purtroppo rubata) e una stella d’oro con croce centrale donata nel esattamente un secolo dopo.

CATTEDRALE DI S. LORENZO: CULTO POPOLARE NEL CUORE DI TIBUR

A PRIMA VISTA

Il miglior modo è scendere lungo via di Postera: dopo una continua discesa si apprezza l’inatteso spianamento tra continui rimandi di vissuto medioevale.

Per poi sfociare in una semplice e solenne ‘signora’: la Cattedrale di S. Lorenzo.

Sembra essersi andata a prendere il proprio posto riempiendo uno spazio urbano, connotandolo fortemente, presenziando ad un crocevia storico di strade.

La sua facciata, staccata dai bruni laterizi del campanile medioevale, con una tenue insolita tinta risponde al sole, prima che tramonti…

 

UN PO’ DI STORIA

Il Foro Tiburtino

L’essenza e l’esistenza di Tivoli è basata, per la sua collocazione geografica, sul traffico ed il commercio: l’area antistante il Duomo era proprio l’antico Foro, sede del mercato e delle attività economiche, collegata all’antichissima via di transito Abruzzo-campagna romana (attuale via del Colle, antica via Tiburtina Valeria).

Era di poco più ampia della piazza attuale; il livello pavimentale in travertino (osservato sotto l’attuale piano stradale) era più basso e l’accesso avveniva secondo le stesse direttrici odierne: Via del Duomo (discesa da destra), via di Postera e via del Colle attraverso l’Arco di S. Sinforosa.

Quest’ultimo è l’attuale arco di entrata a sinistra del Duomo, che conserva la stessa funzione, costituito da due archi in opera laterizia (di cui restano delle tracce), coronati da cornici non più visibili: era la sistemazione monumentale dell’ingresso al foro di età imperiale, segno dell’importanza di questo snodo viario-commerciale e della continuità spaziale che si può leggere nell’urbanistica tiburtina.

L’importanza e la ricchezza economica accumulata era denotata probabilmente da una serie di edifici pubblici e monumenti onorari che creavano l’ambiente del foro .

Tra questi la Mensa Ponderaria e l’Augusteum (vedi Qrcode relativo); di seguito a questi era posto un edificio absidato in opus incertum di calcare, i cui resti sono visibili alle spalle dell’abside seicentesca del Duomo e nei suoi sotterranei. Ancora di difficile interpretazione: taluni lo hanno identificato come un’estensione del santuario d’Ercole o un tempio d’Ercole autonomo(durante gli scavi per l’edificazione del Duomo è stata trovata una base marmorea con dedica ad Ercole).

Non escludendo nè un tempio nè una basilica il Giuliani ipotizza anche un’area absidale terminale del foro.

 

La Cattedrale di S. Lorenzo

La costruzione di questa cattedrale fu l’evento più importante nel panorama storico-artistico del ‘600 tiburtino.

La chiesa, fondata secondo alcune ipotesi all’epoca di Costantino (306-337 d.C.) o del papa tiburtino Simplicio (486-483), riutilizzò l’edificio absidato romano(di cui sopra) ed è già sicuramente edificata nel IX secolo(citata nel ‘Liber Pontificalis’, vita di Papa Leone III); fu ricostruita nelle classiche forme romaniche tra XI e XII secolo, visibili ancora  nel campanile(tranne la piramide terminale che è posticcia).

Al fervore edilizio medioevale seguì una fase di grave degrado cui riparò l’intervento del Cardinale e vescovo di Tivoli Giulio Roma (1634-1652) che decise di ricostruirla; la cattedrale venne eretta nel 1641 e dedicata nel 1650, poi consacrata solennemente il 27 ottobre 1669 dall’altro cardinale che si prodigò molto per la cattedrale, Marcello Santacroce .

Il modello è lo schema di chiesa gesuitica che a fine ‘500 aveva segnato una svolta nella concezione dell’architettura religiosa: navata unica e cappelle laterali ridotte, transetto breve o inesistente (come qui a Tivoli).

Lo scopo era guidare il fedele verso il raccoglimento e la predicazione, creando un ambiente ad hoc.

Studi recenti hanno messo in luce aspetti molto interessanti:

-la ricostruzione non fu a fundamentis (dalla fondazione, come invece indicato nella iscrizione della controfacciata) ma si sarebbe limitata all’arretramento dell’abside nell’area presbiteriale rispetto al pendio che circonda l’edificio, caratterizzato da alta umidità, creando un’intercapedine di protezione (quest’area di Tivoli risente del banco di concrezioni calcaree travertinose e della presenza di antichi canali come la Forma che alimentava il Lavatoio adiacente)

– i muri longitudinali conservarono buona parte degli alzati romani o medioevali.

L’insediamento della cattedrale nell’area del foro può essere connessa ancora alla vicinanza strategica della Via Tiburtina Valeria e alla presenza nelle vicinanze dell’oratorio di S.Alessandro.

 

RACCONTO DELL’OPERA

La facciata ed il campanile

La facciata è di un barocco abbastanza sobrio, con aggiunta di un portico con archi a tutto sesto e paraste, che custodisce un affresco del XVI secolo raffigurante la Vergine Annunziata.

E’ presente l’iscrizione dedicatoria “DIVO LAURENTIO IULIUS CARDINALIS ROMA DICAVIT ANNO SAL(utis) MDCL “

(Al Divo Lorenzo dedicò il Cardinal Giulio Roma nell’anno di salute 1650).

La torre campanaria datata XI secolo è alta quasi 47 m con finestre monofore, bifore e cornici dentellate; la cuspide piramidale è di epoca posteriore. Il campanile è la testimonianza dell’antica cattedrale, forse un involontario simbolo di conservazione delle radici cristiane e storiche pur nel rinnovamento seicentesco.

L’interno

Le 3 navate sono scandite da pilastri che inglobano le antiche colonne corinzie; la navata maggiore ha volta a botte con finestre.

Abside- volta -controfacciata: la decorazione di questi elementi architettonici (finita nel 1817) fu voluta da papa Pio VII Chiaramonti  proprio per esaltare, insieme a S. Lorenzo, le figure dei santi tiburtini; il suo stemma è nel sott’arco dell’abside.

Entrando in controfacciata troviamo, dipinti a monocromo, S.Amanzio e S.Cleto (di cui si conservano reliquie in cattedrale), ai lati del finestrone inizia la raffigurazione entro tondi dei 12 Apostoli, che continua poi nella volta(strombi delle vele). La volta accoglie in 3 riquadri dall’entrata: personificazione dell’Eucarestia e Sante Irundine, Romula e Redenta, la Gloria di S.Lorenzo, personificazione della Religione con i santi Severino, Quirino e Vincenzo.

Nel catino absidale è la Chiesa trionfante: una schiera di Santi lungo il semicerchio acclamano la Trinità, accanto al Cristo centrale, l’Eterno e la Vergine.

Tutta la decorazione è attribuita a Carlo Labruzzi(pittore neoclassico, fratello di Pietro).

L’altare maggiore (fatto nel 1704) è riccamente decorato con marmi policromi, putti e cherubini in marmo bianco, ai lati della grata in ottone; l’iscrizione nello scudo a sinistra ci indica che l’altare è dedicato a S.Generoso, martire tiburtino, le cui reliquie sono qui serbate, protette dalla grata col monogramma di Cristo.

Sopra l’altare maggiore la bella tela del Pietro Labruzzi (1739-1805) con S. Lorenzo davanti al giudice prima del martirio, in cui un angelo offre la classica palma del martirio, mentre un uomo prepara l’atroce pena, la graticola ardente (che poi assurge ad attributo del Santo); in alto si osserva il tempio circolare dell’acropoli di Tivoli, ulteriore segno del legame con questa città.

Navata sinistra: 

– Cappella dei Martiri Persiani o di San Mario, edificata a cura di Mario Carlo Mancini, nobile tiburtino, in onore dello zio, Mario Mancini Lupi altro notabile agli ordini di Gregorio XIII e Sisto V; fu eretto un monumento funebre in suo onore (con la raffigurazione della morte) e fu affidata la decorazione a Bartolomeo Colombo allievo di Pietro da Cortona, con le ‘Storie dei Santi Mario, Marta, Audiface e Abacuc’ e la loro ‘Gloria’.

E’ presente il monumento funebre del vescovo tiburtino Angelo Lupo(che si prodigò molto per la cattedrale), bell’esempio di arte scultorea del ‘400.

– Presso l’entrata laterale l’altro importante monumento funebre di Angelo Leonini(XVI sec.), vescovo di Tivoli nei primi del ‘500; una delle poche testimonianze dell’ antica cattedrale, che secondo alcuni autori richiama uno schema architettonico ideato dal Sansovino (1467-1529) in monumenti funebri di S.Maria del Popolo e S.Maria all’Aracoeli in Roma.1

Lungo la navata sinistra è ad oggi possibile ammirare la sagrestia (vedere il Qrcode “i Tesori del Duomo”) grazie al restauro conservativo ed artistico realizzati dall’ impresa ARIEM RESTAURI srl di Roma tra la fine del 2011 ed il giugno 2014.

Edificata dal Cardinal Santacroce nel 1657 (Vescovo di Tivoli, dal 1652 al 1674), secondo documenti del Fondo Santacroce nell’archivio di Stato è da attribuire  a Giovan Antonio de Rossi  anche se è detta ‘berniniana’ per un interessamento che il celebre architetto avrebbe avuto nel disegnare pianta e alzato, secondo ipotesi recenti.

Navata destra:

– Cappella del Crocifisso: le pareti laterali e la volta sono state decorate nel XIX secolo con storie della Passione di Gesù; il Crocifisso ligneo può essere ascritto al XV secolo, di buona produzione artigianale e l’altare è impreziosito da marmi policromi.

– Cappella dell’Immacolata Concezione: la cappella è particolarmente legata alla comunità di Tivoli che fece voto di erigere una statua votiva alla Vergine in occasione della peste del 1656 ed il cardinal Santacroce scelse la cattedrale per ospitarla.

La nicchia centrale ospita la statua dell’Immacolata Concezione,  una notevole opera di Christophe Veyrier(1637-1689), inizialmente attribuita al Bernini dal Sebastiani; altre nicchie ospitano le 4 Virtù cardinali, opere di ambito romano; la decorazione pittorica(‘Gloria Celeste’ nella volta, ‘Santi’ nei pennacchi, nelle lunette ‘Natività’, ‘Adorazione dei Pastori’, ‘Fuga in Egitto’) è opera di G.F.Grimaldi(1606-1680), allievo di Pietro da Cortona.

– Cappella di S.Lorenzo : subito dopo l’edificazione della chiesa iniziò l’abbellimento della cappella dedicata al santo titolare. Sull’altare vi è una pala molto significativa, raffigurante un’ Apparizione di Gesù Bambino e S.Giuseppe a S.Lorenzo, S.Sinforosa e Simplicio papa: S.Sinforosa è un’altra martire tiburtina molto venerata a Tivoli, il cui supplizio con i suoi sette figli avvenne sotto l’imperatore Adriano.

Da notare una forte sensibilità cromatica, una stesura omogenea del colore, una compostezza armonica dell’opera con una luce che evidenzia soprattutto il volto di S.Sinforosa. L’opera si colloca tra l’XVIII e il XIX secolo.

Nelle pareti laterali sono grandi tele che illustrano la vita del santo: ‘San Lorenzo distribuisce elemosine ai poveri’, ‘S.Lorenzo in prigione battezza S.Ippolito’, ‘Arresto di S.Lorenzo’,  ‘Trasporto del corpo di S.Lorenzo’, attribuite le prime due a Pietro Locatelli, le altre a Ludovico Gimignani, autori della seconda metà del ‘600.

 

CURIOSITA’ E FASCINAZIONI

Ercole e S. Lorenzo: padri tutelari di Tivoli

In epoca romana Ercole fu l’eroe mitologico tutelare di Tivoli, che fu detta per questo ‘erculea’; era custode delle vie del traffico, sostenitore della ricchezza ottenuta con il commercio ed il lavoro, quindi una divinità perfetta per questa città.

L’importanza fondamentale del culto di Ercole è testimoniata dal suo grandioso Santuario eretto proprio a ridosso della via Tiburtina, con un apparato architettonico sostruttivo imponente sulla ripida Valle dell’Aniene.SOSTRUZIONI SANTUARIO

 

  1. Lorenzo era un diacono, che aveva compiti sia pastorali sia amministrativi legati alla gestione del patrimonio e dei beni della chiesa; aveva a che fare con la finanza e gli affari, e svolse oltre che a Roma anche a Tivoli importanti attività guida nella gestione dei beni della Chiesa.

La strage contro i cristiani, ordinata nel 257-258 d.C. da Valeriano, voleva colpire anche l’assetto economico e sociale della Chiesa romana: tra il 6 ed il 10 agosto 258 furono trucidati i diaconi ed i presbiteri, tra cui S. Lorenzo condannato alla graticola.

Il martirio impressionò molto e la figura di S. Lorenzo divenne cara al popolo così come ai patrizi: era un riferimento spirituale legato agli aspetti pratici ed economici della vita, così come per altri versi e in piena epoca pagana lo era Ercole(tra l’altro anche lui morto tra le fiamme).

  1. Lorenzo (protettore anche dei cuochi e dei rosticceri) diventò patrono di Tivoli, festeggiato ogni anno il 10 di agosto dalla comunità di Tivoli ed a lui fu dedicata la Cattedrale sorta proprio sui resti del Foro Tiburtino.

Tivoli ha avuto così due ‘padri’ carismatici, uno in epoca pagana ed uno in epoca cristiana e attuale, che simbolizzano il bisogno di un ruolo-guida di una comunità.

 

La campana del forestiero

Tivoli è da sempre città di passaggio, per attività di pastorizia, commercio, pellegrinaggio, turismo.

Non sorprende che quindi delle 4 campane presenti nel campanile in epoca settecentesca una era dedicata proprio ai forestieri, perchè suonava solo in occasione della morte di persone che venivano a visitare la città.